E = MC² : TUTTO È IN RELAZIONE A

Facebook Linkedin Instagram

Tutto è determinato […] da forze sulle quali non abbiamo alcun controllo. Lo è per l’insetto come per le stelle. Esseri Umani, vegetali o polvere cosmica, tutti danziamo al ritmo di una musica misteriosa, suonata in lontananza da un pifferaio invisibile.

Albert Einstein, il bizzarro scienziato tedesco e uno dei più importanti studiosi e pensatori del XX Secolo, è conosciuto soprattutto per la famosa formula che rappresenta la Teoria della Relatività (ristretta): E = MC²; dove E sta per Energia, M per Massa e C per Celeritas, la costante che esprime la Velocità della luce nel vuoto (ca 300.000 km/s).

Nonostante la natura scientifica della tesi, la sua elaborazione ci fornisce informazioni anche da un punto di vista più filosofico e spirituale, rendendola ancora maggiormente interessante.

In particolare, da circa un secolo, possiamo sostenere, con evidenze empiriche, che ogni cosa assume importanza solo in relazione ad altre cose, che tutto, appunto, è relativo e, in qualche modo, connesso.

Con parole molto semplici, provo a sintetizzare alcune considerazioni che derivano dalla Teoria della Relatività e che potrebbero sorprendervi per la loro linearità:

  1. Tempo e Spazio non sono assoluti e separati (ma parti di una struttura quadridimensionale) = ognuno di noi ha una propria “visione” degli eventi che dipende da dove si trova e da come si sta muovendo
  2. Ogni Evento accade in un unico posto in un determinato momento = esiste solo il “qui ed ora” individuale
  3. Energia e Massa si equivalgono e sono intercambiabili = invisibile e visibile sono manifestazioni più o meno concentrate di un’unica “sostanza”
  4. Energia e Massa non possono essere create o distrutte, ma solo trasformate = ogni cosa esiste da sempre e per sempre, cambia espressione di sè, ma non sparisce

Che ne dite, vi sembra abbia senso?