UN’INTERPRETAZIONE DEI SOGNI

Facebook Linkedin Instagram

I sogni sono da sempre oggetto della ricerca e della curiosità umana e, nel corso dei secoli, hanno dato vita a diverse teorie ed interpretazioni sul loro significato e sulla loro genesi: sin dagl albori, filosofi, maestri, psicologi hanno cercato di dare una spiegazione a queste manifestazioni definendole, di volta in volta, messaggi divini, desideri nascosti, istinti repressi, rappresentazioni dell’inconscio collettivo e altro ancora.

Tra i vari, uno dei punti di vista che più mi trova d’accordo è quello psicosomatico che divide i sogni in tre tipologie in base alla zona del cervello dal quale avrebbero origine, nello specifico:

• I SOGNI DI SCARTO: quelli che si formano nella teca cranica, la parete che protegge il cervello, e che servono per smaltire tutte le informazioni inutili assorbite durante la giornata e, di conseguenza, liberare la mente.

Esempio: quando riviviamo un evento triste o turbolento avvenuto poco prima di andare a letto.

• I SOGNI DI RIELABORAZIONE: quelli che nascono nella materia grigia (sede dei movimenti volontari, del linguaggio, dei sensi, del pensiero e della memoria) e che ci pongono di fronte ai nodi irrisolti della nostra esistenza, alle decisioni da prendere, ai dubbi e alle insicurezze. Possono far emergere le emozioni che stiamo trattenendo o non vogliamo ascoltare e farci intuire soluzioni nuove.

Esempio: tutti i sogni ricorrenti e quelli che presentano i classici simboli onirici come topi, ragni, serpenti, scale, terremoti, mareggiate, incendi, esseri fatati oppure voli, cadute, brutte figure…

I SOGNI D’IDENTITÀ: sono quelli che nascono nella zona tra ipotalamo e ipofisi e che rappresentano la nostra identità personale, di specie e archetipica; sono collegati alle memorie arcaiche, ad un’energia antica e profonda.

Esempio: i sogni premonitori o quelli che ci sembrano apparentemente più difficili o strani da interpretare perchè fatti di immagini diverse dal solito.

Non solo luoghi: l’attività onirica è costituita anche da movimenti, fasi che si susseguono per portare, a seconda delle necessità, nutrimento e luce alla vita quotidiana grazie ad un continuum di manifestazioni che servono da ponte tra conscio, semi-conscio e inconsco. Messaggi che, in verità, solo noi sappiamo davvero interpretare.


CONSIGLIO DI LETTURA

Sogni
La Lingua Misteriosa dell’Inconscio