SEPTEMBER: TRINO

Facebook Linkedin Instagram

Settembre prende il suo nome dal numero sette, in quanto, nell’antica Roma, prima che Giulio Cesare promulgasse il calendario giuliano, questo era, appunto, il settimo mese dell’anno.

In questo periodo, in particolare il 13 settembre, si svolgevano le celebrazioni in onore della Triade Capitolina, protettrice di Roma e simbolo della sua eterna grandezza, formata da Giove Ottimo Massimo (la divinità massima e re di tutti gli dei, a cui sono associati scettro, fulmini, aquila e corona di quercia), Giunone (regina, rappresentata dal pavone e da una corona di petali di rose) e Minerva (dea della sapienza e delle arti, con l’elmo, la civetta e il serto d’alloro).

L’Epulum Iovis veniva festeggiato attraverso un lectisternio, un convito sacro a cui presenziavano le divinità rappresentate da statue, vestite con stoffe pregiate e intessute d’oro e d’argento, nastri, ghirlande e gioielli, profumate d’incensi, che venivano poste su dei “pulvinar” (divani) con il braccio sinistro appoggiato ad un cuscino (pulvinus).

Gli Dei erano serviti con ricchi piatti, il cui consumo era poi effettuato dagli epulones, i sacerdoti romani.

Nel festeggiare la Triade si celebrava così la magnificenza di Roma Antica.