NOVEMBER: IN COMUNICAZIONE

Facebook Linkedin Instagram

Nono mese dell’anno dell’antico calendario romano, da cui prende il nome, novembre era un mese in cui venivano ricordate molte Divinità (Giove, Iside, Epona, Cibele, Feronia) e celebrati diversi “Ludi”, rappresentazioni teatrali e competizioni atletiche organizzate dagli edili plebei o in onore delle vittorie di Costantino I o di Costanzo II sui Sarmati.

Interessante notare le diverse ricorrenze legate agli “Inferi” che cadono proprio in questo periodo:

  • il Mundus Patet, detto anche “Mondo Vasto”, uno dei tre giorni in cui era aperto il mundus Cereris, una fossa posta nel santuario di Cerere e consacrata agli Dei Mani che veniva aperta per l’occasone per permettere ls comunicazione con l’aldilà. Erano i giorni in cui le maghe praticavano i loro riti.
  • Plutonis et Proserpinae, in onore degli Dei dell’Ade (Plutone e Proserpina), celebrati con i Ludi Tarentini, tenuti per tre giorni e tre notti a delimitare la fine di un secolo e l’inizio del successivo.
  • i Dianae, in onore di Diana Dea della caccia, della luna e degli inferi.

Una “festività” più recente legata agli aspetti naturali è la cosidetta estate di San Martino (il santo si celebra l’11 del mese), un fenomeno che a volte si manifesta agli inizi di novembre durante il quale, dopo il primo freddo, si verificano condizioni climatiche di bel tempo e relativo tepore.

In questi giorni venivano rinnovati i contratti agricoli annuali, aperte le botti per l’assaggio del vino nuovo e raccolte le prime castagne.